Eco Log

yes we can!


Lascia un commento

Fine d’anno

Oggi vagavo per i banchi del supermercato, si lo ammetto proprio una volgare Carrefour, circondata da miei simili alla ricerca di quello che manca per la cena di domani, o solo di quello che serviva per il pranzo di oggi.

Tutti i pomodori Ciliegino erano in solide scatole in plastica, tutte le verdure anche le sfuse per essere portate via devono obbligatoriamente essere imbustate, per invogliare i piu pigri addirittura alcune sono state preimbustate dalla stessa azienda e sono cosi “take away”…con in po’ di abilita’ si può etichettare un porro senza imbustarlo o una carota tutt’al piu (se si sopporta lo sguardo malevolo della cassiera al momento di passarlo: ma come lo porta via cosi?!! (ma si sporca!) – come se fino a un attimo prima nella pila con gli altri fosse una verdura linda…)

Passo al banco dei formaggi – quelli “da banco” appunto. L’impiegato mette anche un etto di ricotta in delle enormi vaschette di plastica (depressione) , se gli chiedi di usare una vaschetta piu piccola di alluminio prova a dirti che l’altra e’ piu comoda ma poi ti accontenta, i formaggi tipo cacio sono stati già pretagliati e confezionati in formato unico di 1/4: dico che io sono da sola e ne vorrei meno: il poverino risponde che hanno ordini dalla direzioni di farli tutti uguali cosi(siamo impiegati noi). Poi fa un eccezione e ne taglia un pezzo a meta’!! (mitico e rivoluzionario) Lo ringrazio e passo oltre.

Salto carne e surgelati, i surgelati li compro a volte ma oggi si gela! vicino alle casse ci sono le bottiglie in offerta : a pochi euro puoi portare via una bottiglia di prosecco buono… ci sto pensando ed ecco che arriva mister miliardo e mette nel carrello tutte le bottiglie!!! Non posso crederci , vado alla cassa con le mie 3 cose e bypasso tutti i cartelli che invitano a prendere i sacchetti di plastica: da Febbraio a quanto pare saranno fuori legge: quindi bisogna disfarsene!! La signorina mi chiede comunque “Non vuole un sacchetto?!” “No, grazie” dico io sorridendo e mettendo le cosine nella borsa (sacrilegio!!) Buon Anno anche a Lei.

 

Annunci


1 Commento

Succo di Mela – Bloomie!!

Santa Luthia è un marchio nato da circa 3 anni, porta il nome di una frazione del Friuli.

I succhi non sono mai ottenuti da concentrati.

I nostri succhi da 1,5 Litri vengono ottenuti tramite la Sola Pressatura di 3 Kg

di Mele Friulane senza l’aggiunta di coloranti, conservanti, aromi,zuccheri o acqua.

http://www.santaluthia.com/Santa_Luthia_Srl/Home.html

Per ora lo trovate solo a Padova, in alcuni fruttivendoli, alimentari..

Ma aiutiamoli ad espandersi!!

Fatevi avanti negozianti, enoteche, locali, palestre, bistrot!!


2 commenti

Omohide Poro Poro (pioggia di ricordi…)

Lo studio Ghibli da anni e’ impegnato nel descrivere un ideale ambientalista: La sua eroina Nausica (della valle del vento) coltiva un giardino segreto nella sua stanza e parla con gli insetti, la foresta dove si svolge la Principessa Mononoke e’ popolata di spiriti della natura che aiutano i protagonisti, Howl, quello del castello errante, cerca di fermare navi da guerra sotto le sembianze di un uccello… questo almeno il mondo di Miyazaki, uno dei fondatori dello studio Ghibli. Ma alla festa del cinema di Roma, lo scorso mese, nella bellissima rassegna sullo studio Ghibli ho avuto modo di vedere una piccola perla del suo maestro e amico (nonche’ coautore di Heidi) Takahata Isao: Omohide Poroporo -letteralmente “ricordi goccia a goccia”- distribuito con il titolo Only Yesterday.

Il film racconta la storia di Taeko, giovane impiegata nella città di Tokyo che decide di passare una vacanza per la seconda estate consecutiva facendo volontariato nei campi del paese d’origine della nonna, aiutando nella raccolta di fiori di carminio.

La vacanza di Taeko, animata dall’entusiasmo della cittadina alla ricerca dell’autenticità della natura, complice il ricordo della se stessa di cinque anni, si trasforma in qualcosa di molto più importante: un epifania, la rivelazione di una verità disarmante: un altra vita e’ possibile anche per chi ‘ha tutto’ ma continua a sentire che gli manca ‘qualcosa’ nella società delle città e del terziario.