Eco Log

yes we can!


1 Commento

polli liberi finalmente!

E’ da tempo che cerco aziende che allevano pollame, dato che l’allevamento intensivo di polli è quello più deleterio, a mio parere. Hanno fatto spesso puntate di denuncia sulle aziende produttrici, anche su Report.

L’altro giorno ho comprato presso un negozio molto “bio ed equo” a Piazza Re di Roma, delle uova di questa azienda (San Bartolomeo),
scoprendo che allevano sul loro terreno non solo galline ma anche tacchini e conigli,
selezionati per stare all’aperto in libertà…
Certo poi quando li vedi (nel video per ora) sgambettare come degli animali normali e non a forma di petto di pollo/tacchino in-celofanato, ti dispiace anche mangiarteli…alla fine!!
Comunque almeno c’è la consapevolezza che non vai a mangiare un cocktail di antibiotici, tossine e ormoni, se li prendi da loro!!

Fate una visita allo spaccio aperto dal giovedì al sabato orario continuato…

http://pollisanbartolomeo.it/

Annunci


1 Commento

Medicine scadute e non …

Quando arriva un influenza e’ sempre la solita storia, il medico ti visita e ti prescrive la nuova medicina sul mercato, in genere un “antinfiammatorio” in bustine effervescente se non anche un bell’antibiotico puntualmente diverso da quello prescritto la volta precedente.

Senza entrare nel merito delle cure, e quindi volendo trascendere dalla questione medicina “tradizionale” vs. medicina” naturale” vs.omeopatia la cosa che mi deprime maggiormente e’ aprire l’armadietto delle medicine e accorgermi di quanti medicinali si sono raccolti li senza che nemmeno me ne fossi resa conto in pochissimi anni.

Facendo un esame dettagliato del contenuto dell’armadio che ho rovesciato in un vassoio ho potuto contare tra i medicinali Scaduti :

  • 2 scatole di aspirina
  • 1 scatola da 30 compresse di antistaminico da cui ne mancavano 3
  • antidolorifici tipo ibuprofene
  • bustine varie

Non Scaduti

  • 4 scatole di paracetamolo in ogni forma esistente nel mondo
  • 3 antibiotici con nomi diversi (scatole a metà o quasi piene)
  • sciroppi per la tosse, mal di gola e co.
  • antidolorifici

In un mondo ideale (ma mi dicono che una volta era così e che in alcuni paesi europei lo e’ ancora!) prescrizione alla mano il farmacista fornirebbe il numero esatto di compresse necessarie a completare la cura invece di venderti una scatola intera.

Nel mondo attuale, o almeno in Italia, sembra che nè a medici (impegnati a vendere sempre l’ultimo modello per compiacere gli informatori farmaceutici) nè ai farmacisti, che forse non possono fare nulla, e men che mai alle case farmaceutiche (se potessero farebbero solo confezioni da 100!) interessi il problema dello spreco di medicinali non scaduti ma inutilizzati e dell’inquinamento da medicinali scaduti che questo sistema causa, esiste pure qualcosa da fare e qualcuno che se ne interessa.

Riguardo ai medicinali scaduti, molte farmacie di Roma , partecipano alla raccolta differenziata mettendo a disposizione i bidoni per la raccolta (in cui vanno inserite capsule libere o blister, non scatole/imballaggi n.b.), come riportato sul sito dell’Ama, dove e’ a disposizione l’elenco completo: http://www.amaroma.it/raccolta-differenziata/1385-raccolta-farmaci-scaduti.html

Credo che lo stesso avvenga in quasi tutte le città italiane.

E per i medicinali NON scaduti? A quanti di noi succede di sapere in anticipo che un certo tipo di medicinale non ci servirà più ben prima della scadenza! Queste medicine, anche nella nostra stessa città, potrebbero essere molto utili a qualcuno.

Alcune iniziative di raccolta dei medicinali NON scaduti esistono, ecco cosa ho trovato:

A Milano, ci sono gli angeli custodi dell’Opera San Francesco, si possono dare a loro: http://www.operasanfrancesco.it/OSF/cosafacciamo/centroraccolta.cfm
Mi hanno scritto che saranno ben
lieti di ricevere i medicinali inviati anche per posta all’indirizzo Via A. da Messina 4, 20146 Milano!


A Ferrara e’ in corso una ottima Iniziativa del Comune chiamata “Ancora Utili”: http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=1987

 

 

Riguardo a Roma ho contattato la Caritas che gestisce il bellissimo Poliambulatorio in Via Marsala per sapere se si possono portare là e mi hanno dato una risposta positiva!

“il nostro servizio farmaceutico raccoglie anche confezioni già iniziate e vengono riutilizzate per i poveri della città. Il tuo contributo sarà prezioso.
Siamo in via Marsala 97, orario di apertura: dal lun al ven 16.00-19.00, mercoledì e giovedì anche dalle 9.30-12.30″

Intanto a Grottaferrata e Frascati la stessa Caritas e una onlus locale hanno istituito la campagna “prima della scadenza“.

Se siete a conoscenza di altre iniziative a Roma e in Italia aggiungete un commento!

Per il resto, ad ogni nuova ricetta medica, prima di andare in farmacia apriamo prima l’armadietto delle medicine…:)