Eco Log

yes we can!


Lascia un commento

Ecologia urbana a Parigi

I quartieri di Parigi (gli Arrondismont) sono tanti, 20.
Ogni quartiere, oltre ad essere collegato da innumerevoli stazioni alla più famosa metropolitana del mondo, ha pari opportunità. Che voi decidiate di scendere per una passeggiata a Place d’Italie o a Grand Boulevards troverete uscendo dal Metro alcuni elementi comuni:
Strade grandi con marciapiedi confortevoli di almeno 2 metri di larghezza
Un parco
Una biblioteca nelle vicinanze
e da qualche anno una immancabile “stazione” del Velib: il servizio comunale di noleggio delle biciclette 🙂

Parc de Choisy (Metro Place d'Italie)


Nel quartiere del mercato d’Aligre, sotto l’Opera Bastille, una ex linea sopraelevata della metro lunga 4,5km in disuso e’ stata trasformata in Parco pubblico! E’la “Promenade Planté”: corre in mezzo alle case e lassù, immersi in boschetti di bambù, tra rose rampicanti e cespugli di lavanda i Francesi si prendono una pausa per leggere un libro, correre, portare i bambini in bicicletta, fare un picnic…

Promenade Plantè (Metro Bastille)


Nei famosi giardini delle Tuleries invece qualsiasi abitante /ospite di Parigi può sedersi a prendere il sole e fare due chiacchiere in una delle migliaia di sedie da giardino messe a disposizione dal municipo (Mairie de Paris).
L’ingresso ai Jardin des Plantes è gratuito, si paga il biglietto solo per visitare le serre contenenti le piante tropicali e primordiali, lo zoo o il museo di storia naturale.

Viale di Platani al Jardin des Plantes


Giardini piu piccoli, puliti e ordinati e circondati da cancellate, in genere con giochi per bambini, vi appariranno in qualsiasi piazzetta piu piccola, che voi siate a St. Germain, St.Michel , nel quartiere musulmano (Place Monge), o vicino alla Burse, ai Marais, a Montmartes[…]

Piccolo giardino in Rue Richelieu


E alzando gli occhi vi accorgerete che questa cultura è così consolidata che ogni balconcino, ponte di barca, davanzale e addirittura molti vani finestra (dietro ai vetri) sono stati trasformati dagli abitanti di Paris in una piccola personale foresta.

Balconi in Rue Mouffettard (Metro Place Monge)


2 commenti

Nutrire = Amare ?

Sto facendo qualcosa di bello per il mondo, sto comprando la pappa al mio migliore amico: un micio.

Quando porto a casa la scatoletta e gliela mostro mi segue correndo tutto festoso e aspetta dandomi delle piccole zampate di avere la ciotola piena …ma sto facendo davvero un gesto d’amore?
Che gli sto dando da mangiare?
E’ già difficile districarsi tra i cibi per noi umani, sfuggire al richiamo di pubblicità ossessive, sapori accattivanti e aspetto perfetto per scegliere qualcosa di piu sano e naturale, ma con gli animali domestici si è ancora più in difficoltà.
Nel film “2016 I sopravvissuti” all’umanità su una terra sovraffollata veniva dato in pasto il “Soilent”: cibo ufficialmente a base di plancton, ben presto la variante “Soilent rosso” si rivelava essere fatta con i cadaveri degli stessi esseri umani… ma quella che era fantascenza per noi sembra che sia già realtà per i nostri migliori amici!
Le cosi dette “farine di carne” contenute in alta percentuale (insieme ad altri meravigliosi ingredienti come le ceneri greggie!) nei croccantini altro non sono che prodotti finali di galline, gatti e cani soppressi nei canili.
Vi viene da piangere? anche a me.
Ma facciamoci forza , basta aprire gli occhi, smettere di essere cechi e tirare dritti davanti alle belle buste con cuccioli ammiccanti in fila sugli scaffali di farmacie e supermercati, marcate:

Purina (=Nestlè: per una lista completa dei suoi marchi fate riferimento a Wikipedia)
Royal Canin (=Mars) – ebbene si il tanto blasonato e consigliato “re dei croccantini” con milioni di linee tra cui le “terapeutiche” Renal e Dental!!
Whiskas(=Mars)
Gourmet
Hill’s Science Diet (quella che davano al mio micio al gattile!)
Iams (Procter&Gamble)(per le torture inflitte dalla Iams agli animali potete consultare il sito dedicatogli dalla Peta:
http://www.iamscruelty.com/
Se anche voi non siete riusciti a dare al vostro gatto cibo sano e naturale come pollo o pesce lesso, o tonno al naturale, perchè ad esempio non siete i primi padroni e si e’ gia abituato a mangiare cibo aromatizzato e accattivante, non sono molte le ditte che almeno a certificazioni non avvelenano i nostri amati compagni:

Almo Nature; www.almonature.eu
Forza10; http://www.forza10.com/
DenkyCat e Denkadog

Si lo so non è molto.
Una lista di pet food cruelty free certificata dalla PETA per EU si può trovare al link:
http://www.peta.org.uk/features/non-animal-tested-companion-animal-food/

Inoltre ho qualche speranza anche sui due marchi preferiti dal mio micio:

Schesir – marchio della Agras Delic che afferma di essere cruelty free  sul suo sito
SilverCat delle Doppiaemme International

Se avete indicazioni su altri prodotti naturali e cruelty free / maggiori informazioni su questi ultimi marchi commentate questo post!

E quando date la pappa al vostro amico, fategli una carezza ma soprattutto prima leggete bene gli ingredienti!