Eco Log

yes we can!


Lascia un commento

Vitamine

Una mia amica che si è da poco trasferita in una casa più grande, durante il trasloco ha passato in rassegna le sue cose e dal momento che ne aveva due mi ha fatto un regalo: una centrifuga.
La centrifuga è un elettrodomestico abbastanza grande, somiglia ad un piccolo barile e ha due fermi per chiudere il coperchio: le ho chiesto, a che servono? E mi ha risposto tranquilla : a tenerla ferma! si perché la centrifuga sennò se ne va in giro per il piano della cucina un po’ come la lavatrice che deve avere un peso altrimenti camminerebbe per tutta la casa , in pratica si tratta un elettrodomestico molto potente.

dsc_1437

Mia mamma mi ha sempre detto che bisogna mangiare frutta e verdura per la verdura vado abbastanza bene ma la frutta non è mai stata la mia passione.
Da quando sono cliente di Zolle ricevo ogni due settimane 3 kg di frutta fresca di stagione qualche volta rischio di buttarla anzi rischiavo . La mia vita è cambiata con l’arrivo della centrifuga la frutta di stagione e anche alcune verdure come i finocchi carote sedano si trasformano magicamente in succhi di frutta anzi centrifugati buonissimi . Oggi ho improvvisato è la stagione dell’uva quindi si stava accumulando Unito un grappolo d’uva con una pera e un limone il risultato era ottimo! sì perché ci si può divertire a sperimentare bilanciare l’aspro con lo zuccherino il dolce con l’amaro e perché no un tocco di piccante su internet ho trovato molte ricette fonte d’ispirazione il resto è sperimentazione . I centrifugati possono essere depuranti energizzanti semplicemente buoni un ottimo sostituto per una merenda quando tornate dal lavoro e siete stanchi e magari avete già un po’ di fame.

La centrifuga di fatto separa il succo dalle fibre e in alcuni casi la fibra può essere usata ad esempio per fare una torta!
Il caso piu semplice è quello della torta di carote:
Una volta centrifugate le carote mettere da parte la fibra di carote tritata , può essere usata per fare questa semplice

TORTA DI CAROTE

300 g zucchero
300 g farina
320 g carote
2 uova
lievito istantaneo 7 g
olio di semi 1 bicchiere
1 bust vanillina
Cuocere a 180 C senza ventilazione 30min anche in teglia di silicone

Al succo di carote unite quello di una mela, la centrifuga Mela+Carota è un classico! Come del resto lo sono Pera + Limone e Kiwi+Arance…ma perché fermarsi ai classici quando si può innovare?

Buona sperimentazione!


Lascia un commento

la Madre di Tutte le Paste – reloaded

Grazie ad una cara amica di Umbertide, bellissimo paesino dell’Umbria, la mia vita e’ cambiata!

Ho una figlia che e’ anche madre, ovvero: la mia amica che ne e’ spacciatrice ufficiale, mi ha donato la mia nuova figlia: la pasta madre!

La pasta madre e’ arrivata dall’Umbria in treno in un barattolino di vetro , e ora vive nel mio frigo.

IMG_1617

la “madre” nel suo vasetto nel frigo…

Come si tiene in vita / si usa questa meravigliosa creatura?!

E’ facilissimo: prima di tutto, non e’ necessario panificare tutti i giorni : e’ sufficiente farlo una volta a settimana, e se non si ha proprio tempo almeno “rinfrescare” la pasta una volta a settimana.

Che vuol dire?!! Come si fa?!!

Niente paura: il rinfresco l’ho imparato seguendo i consigli del Guru italiano della panificazione casalinga: Riccardo Astolfi!

Che il guru italiano della panificazione casalinga sia un ingegnere non mi sorprende affatto ( anzi in realtà mi inorgoglisce 🙂 )

Riccardo, il cui motto e’ “homebakers do it better” ha messo su dal 2010  un sito davvero bello che e’ diventato subito la mia Bibbia!

Il sito purtroppo non e’ piu’ online, ma Riccardo ha scritto un fantastico libro “Pasta Madre” di cui potete scaricare un estratto in pdf , e che potete trovare online con un bellissimo blog che parla di tantissime cose, non solo di Pane, e su Facebook, ovviamente.

Grazie a quello che ho imparato dalla mia amica e dal Guru proverò a rispondere in questo post alle domande fondamentali:

1) cosa si deve fare con la pasta madre?!!

In breve le cose da fare sono solo due: il rinfresco (almeno una volta a settimana) e la panificazione(idem) 🙂

2) Che vuol dire rinfrescare?

IMG_1641

la pasta madre dopo il rinfresco e il riposo di 4 ore…

La spiegazione completa e’ qui: a parole mie si tratta di

  1. prendere la pasta dal suo barattolo nel frigo

  2. pesarla (es. 200 gr)

  3. diluirla con meta’ del suo peso in acqua a temperatura ambiente (100 gr.)

  4. rimpastarla con peso uguale al suo di farina (200 gr.) fino a ottenere una nuova palla

ottenuta la palla posso

se non ho tempo di panificare rimetterla tutta in frigo oppure,

rimetterne in frigo solo metà (circa 100gr in questo esempio) e col resto panificare!

3) Come si fa il pane?

Per prima cosa la pasta rinfrescata che si vuole usare per panificare si deve far riposare per alcune ore a temperatura ambiente sotto il classico panno umido…quante? da 3 a 5 va bene, ovviamente se e’ estate ne bastano di meno.

Le dosi per “il mio primo pane” per 100 gr. di pasta madre rinfrescata:

  • 300 gr acqua
  • 400 gr. di farina tipo ‘0’
  • 6 g. (1 cucchiaino) di miele o zucchero
  • 12 g. (2 cucchiaini) di sale

Se sapete fare la pizza col lievito di birra scoprirete che la tecnica di impasto e’ identica, quello che cambia sono solamente i tempi di lievitazione che si allungano: per una pagnotta dall’impasto al forno la lievitazione media e’ di 4-5 ore, se tutta la notte anche meglio: basta organizzarsi!

Una volta che l’impasto ha lievitato, si puo’ procedere alla piegatura e alla cottura.

La piegatura e’ solo uno step con cui si prende l’impasto lievitato e si forma la pagnotta: ripiegando i “lembi” esterni verso il centro e ridando quindi volume all’impasto che nella crescita puo’ essersi un po’ “spalmato”!

Sistemata la pagnotta sulla teglia si possono fare delle incisioni col coltello nella parte superiore per far respirare il nostro pane.

Per la cottura il forno deve essere a tempertatura molto alta , per il mio forno il massimo e’ 250° , per la prima fase e poi puo’ essere abbassata un po’ per la seconda parte della cottura.

La cottura della nostra pagnotta potrà essere , indicativamente:

  • 20 minuti a 250° +
  • 35 minuti a 220°
  • una ciotolina d’acqua nel forno aiuta a mantenere l’umidità desiderata

Fino ad oggi sono riuscita a produrre qualche pagnotta e qualche pizza …(Come resistere a non fare subito una pizza?!!)

IMG_1651

il mio primo pane (con qualche problema di panificazione!)

IMG_1647

la mia prima pizza

pane integrale con semi di lino

E ora la domanda piu’ frequente:

4) E questa settimana che pane faccio? Sul internet ci sono un sacco di ricette, io ho sperimentato di recente questa che mi e’ piaciuta moltissimo:

  • 100 gr. di pasta madre rinfrescata
  • 333 gr. di semola rimacinata Senatore Cappelli
  • 66 gr. di farina “00” bio
  • 233 gr di acqua
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaio raso di sale
  • 1 cucchiaio scarso di olio

Cottura 250 ° 10 minuti + 220° 10 min +  200° 35 minuti

L’impasto del pane puo’ essere arricchito con semi (io ho provato con i semi di zucca e con i semi di lino con risultati ottimi) e ovviamente si puo’ adoperare la farina integrale, anche se e’ una buona regola non metterne mai piu’ di metà del peso totale di farina. Potete dare sfogo alla fantasia, come sempre in cucina.

5) E la routine come si gestisce?

Fare il pane per alcuni e’ un vero e proprio rito, in effetti e’ una attività che richiede una breve lavorazione, e la concentrazione necessaria, non piu’ di pochi minuti per ogni fase, ma necessita di un po’ di pianificazione perche’ i passi da seguire devono essere distribuiti, con le dovute pause, nell’arco delle 24h

Spesso il momento della settimana in cui mi posso dedicare a panificare è il weekend: il Sabato pomeriggio il  rinfresco, la sera verso le 20 impadto e la mattina dopo passo alla cottura: il profumo del pane appena sfornato e’ un modo irresistibile per iniziare la giornata!

Per quanto riguarda la “creatura” che vivrà nel nostro frigo, coccolatela se volete, il barattolo di vetro non va mai chiuso sigillato, ma il coperchio si deve avvitare quanto basta per non far cadere il coperchio: deve respirare! Se la aprite per salutarla e la annusate sarà felice: il suo profumo di pane e’ incredibile!

Se per esigenze al di fuori del vostro controllo doveste trascurare la piccolina non vi disperate esistono delle procedure di salvataggio ( che prevedono di base piu’ rinfreschi consecutivi e dello zucchero!)  e nel peggiore dei casi si puo’ ripartire da zero, nessuno vi processerà.

Ovviamente se ben tenuta la pasta migliora col tempo, anzi piu’ viene lavorata piu’ e’ buona!

Ecco qui ora spero di aver condiviso le basi del mestiere, e una volta che siete partiti potrete scoprire il mondo della panificazione.

C’e’ poi il mondo degli altri “lieviti” come dolci per la colazione e co. che non ho ancora esplorato!

Presto, cercate subito il vostro spacciatore piu’ vicino, e se non ne trovate nessuno provate la ricetta a questo link per farlo da soli e iniziate a sperimentare!!

Buona autoproduzione!!!


Lascia un commento

La Madre di tutte le Paste

Grazie ad una cara amica di Umbertide, bellissimo paesino dell’Umbria, la mia vita e’ da poco cambiata!

Ho una figlia che e’ anche madre, ovvero: la mia amica che ne e’ spacciatrice ufficiale, mi ha donato la mia nuova figlia: la pasta madre!

La pasta madre e’ arrivata dall’umbria in treno in un barattolino di vetro , e ora vive nel mio frigo (eh si , a volte e’ utile averne uno!)

IMG_1617

la “madre” nel suo vasetto nel frigo…

Come si tiene in vita / si usa questa meravigliosa creatura?!

E’ facilissimo: prima di tutto, mi ha rassicurato la mia spacciatrice , non e’ necessario panificare tutti i giorni : e’ sufficiente farlo una volta a settimana, e se non si a tempo almeno “rinfrescare” la pasta una volta a settimana.

Che vuol dire?!! Come si fa?!!

Niente paura , mi dice: basta seguire i consigli del Guru italiano della panificazione casalinga: Riccardo Astolfi!

Che il guru italiano della panificazione casalinga sia un ingegnere non mi sorprende affatto ( anzi in realtà mi inorgoglisce 🙂 )

Riccardo, il cui motto e’ “homebakers do it better” ha messo su dal 2010  sito davvero bello che e’ diventato subito la mia Bibbia!

Il suo sito e’ infatti (per continuare il parallelo religioso) una vera manna dal cielo: c’e’ la risposta a tutte le domande:

1) cosa si deve fare con la pasta madre?!!

In breve le cose da fare sono solo due: il rinfresco (almeno una volta a settimana) e la panificazione(idem) 🙂

2) Che vuol dire rinfrescare?

IMG_1641

la pasta madre dopo il rinfresco e il riposo di 4 ore…

La spiegazione completa e’ qui: a parole mie si tratta di prendere la pasta dal suo barattolo nel frigo , diluirla con meta’ del suo peso in acqua e rimpastarla con peso uguale al suo di farina: ottenuta una nuova palla posso rimetterla in frigo, o rimetterne in frigo solo metà(circa 100gr almeno) e col resto panificare!

Per prima cosa la pasta rinfrescata che si vuole usare si deve far riposare per alcune ore sotto il classico panno umido…

3) Come si fa il pane? Allo stesso link di prima trovate anche le istruzioni per il vostro primo pane 🙂

Se sapete fare la pizza col lievito di birra scoprirete che la tecnica di impasto e’ identica , quello che cambia sono solamente i tempi di lievitazione che si allungano: per una pagnotta dall’impasto al forno la lievitazione media e’ di 4-5 ore, se tutta la notte anche meglio: basta organizzarsi!

Fino ad oggi grazie alla mia personale sotto-rete di panificatori casalinghi Umbria-Toscana-Roma sono riuscita a produrre qualche pagnotta e qualche pizza …(Come resistere a non fare subito una pizza?!!)

IMG_1651

il mio primo pane (con qualche problema di panificazione!)

IMG_1647

la mia prima pizza

 

pane

Pane di farro ai semi di lino

Il mio ultimo nato è il pane di Farro ai Semi di Lino: per farlo ho seguito fedelmente questa ricetta qui con la sola differenza che ho dovuto dimezzare le dosi

Mi sono organizzata cosi’: Domanica mattina ho rinfrescato , la sera verso le 16 ho impastato e la mattina alle 7 ho infornato: per l’assaggio ho dovuto aspettare di tornare dal lavoro!

unico difetto: era troppo buono …..ora e’ Martedi sera ed e’ gia’ finito ;

E ora la domanda piu’ frequente:

4) E questa settimana che pane faccio? Sul sito ci sono un sacco di ricette, a cominciare dai “Pani tradizionali e rustici” , per non parlare di altri “lieviti” come dolci per la colazione e co. che non ho ancora sperimentato!

E voi? Presto, cercate subito il vostro spacciatore piu’ vicino , e iniziate a sperimentare !!

Buona autoproduzione!!!

 

 

 

 


Lascia un commento

Scrub fai da te

Oggi e’ la prima domenica di primavera ma piove e il sole non si fa vedere, allora ho deciso di fare qualcosa di produttivo, utilizzando quello che avevo già in casa per creare qualcosa di utile e gratificante: uno scrub per il corpo.
Sabato scorso infatti sono andata in centro e’ ho comprato da Lush un panetto di scrub da 100g per 10 Euro! Era un buon prodotto, eco-sostenibile, piacevole da usare , ma il fatto che sia finito in 4 docce mi ha lasciato perplessa… con la voglia di autoprodurre!
Allora mi sono messa a studiare un pochino, e ho scoperto che per fare uno scrub auto-prodotto servono fondamentalmente 2 tipi di  ingredienti:

  •  Olio (olio di mandorle / olio d’oliva etc.)
  • -Granelli per fare lo scrub vero e proprio: semini o Sale Grosso o zucchero di canna

Secondo alcuni si possono aggiungere altri ingredienti che io classificherei come facoltativi:

  • qualche goccia di olio essenziale x dare profumo
  • un po’ di succo di limone x le pelli grasse
  • miele
  • sapone

Per fare il mio scrub ho azzardato quanto segue :
Avevo un barattolo di ottimo burro di Karitè che se non lo sapete e’ solido (solidifica al freddo / si riscioglie al caldo) quindi ho deciso di usarlo tutto per la causa, sciogliendolo a bagno maria.
Per evitare che lo scrub tornasse una pietra dopo la preparazione , a causa del Karitè, ho aggiunto olio d’oliva e olio di mandorle dolci e per curiosità, e perchè ce l’avevo ho aggiunto anche un cucchiaio di miele

Come scrubbante vero e proprio ho usato parte della mia riserva infinita di Semi di Papavero per le insalate, a cui ho aggiunto un po’ dei Canary Seed comprati per la mangiatoia (scusate passerotti!)

IMG_20140323_110058 IMG_20140323_111026
Ho aggiunto gli ingredienti a caldo in un barattolo di vetro mescolando di tanto in tanto durante il raffreddamento: per finire, quando era oramai quasi freddo , ho aggiunto qualche cucchiaino di zucchero di canna grezzo del  commercio equo, il mio amatissimo Dulcita di Altromercato (faccio un po’ di pubblicita 😉 )  e un cucchiaio di bagnoschiuma , ma solo perche’ era tutto molto molto oleoso.
Riassumento se volete provarlo anche voi , ecco i miei ingredienti:

  • Burro di Karite’ 120 ml
  • 1 cucch Olio Oliva
  • 1 cucch Miele
  • 3 cucch Semi di Papavero
  • 1 cucch Canary Seeds
  • 2 cucch Olio di Mandorle Dolci
  • 1 cucch Bagno Schiuma
  • 2 cucch di Zucchero di Canna grezzo (aggiunto a freddo alla fine)

Ecco il risultato finale:

IMG_20140323_121601

Infine non mi restava che provarlo….ed ecco le mie impressioni dopo l’uso….

…WOOOOOW!!!!

Incredibile!!!! Sarà la fortuna del principiante, sarà il burro di Karitè , ma non volevo uscire più dalla doccia!!

Lo scrub funziona alla grande con i semi di papavero/semini vari (fate solo attenzione a non otturare lo scarico, metteteci qualcosa)

La pelle dopo scrub e risciacquo e’ super idratata e morbidissima, e ha anche un buon odore / profumo naturale dovuto agli olii…

Ho usato lo scrub anche sul viso, e anche li’ il risultato e’ stato sorprendente, pelle rinnovata e super idratata , anche le labbra!

Insomma, non so quante docce durerà il mio barattolo, probabilmente lo finirò presto, ma di sicuro vi consiglio di iniziare a preparare al piu presto possibile il vostro scrub autoprodotto / elisir di bellezza

🙂


Lascia un commento

Saponetta o Sapone liquido : chi fa da se fa x 3!

Da anni ormai ho deciso che la saponetta e’ piu’ eco del
Sapone liquido: dal punto di vista degli imballaggi e’ vero di sicuro: il sapone solido più concentrato non ha il flacone anzi
di solito si vende incartata e in alcuni posti anche sfuso
Ecco le principali obiezioni che ho sentito: 1) il sapone solido si
fa a partire dal grasso animale : attenzione questo può essere vero ma ora è possibilissimo trovare saponi 100% vegetali ( i più comuni a base di olio di oliva): bisogna controllare l’etichetta : se c’è scritto SODIUM TALLOWATE e’ fatto saponificando grasso animale se no(olivate palmitate etc. ) saponificando un grasso vegetale
2)( mia madre ovvero ol controllore dell ‘ufficio di igene) la saponetta fa intasare la doccia…. ok forse le scaglie di sapone che a volte si staccano quando il pezzo sta x finire possono rimanere incastrate nel sifone … dipende dal tipo di saponetta comunque certe più certe meno…
3) ci sono alcune persone ( le stesse che hanno proposto 1) e2) incluse) che si schifano ad usare la tua saponetta e preferiscono il dispenser del sapone liquido: pensa che ti ripensa ho deciso di istituire un dispenser di sapone liquido x gli ospiti: ma come riempirlo?
sono partita nella analisi comparata dei saponi liquidi disponibili in maxi ricariche: la coop vende il suo in buste da 1 litro: Figo no?!! peccato che dalla composizione si vede che dentro ci sono le peggio schifezze!!
idem x Mil Mil , e altre marche commerciali. In farmacia avevo comprato in passato uno “alla spina” ma mi aveva deluso, e comunque usciva da grossi barili di plastica: analizzndo gli INCI scopro che i saponi liquidi tutti sono più tossici di quelli solidi anche se prodotti dalla stessa casa: ad es Dove (che è una delle meno peggio!!): la saponetta e’ molto più semplice!!

Ma girando su internet ecco la soluzione: il fai da te!
la ricetta x farselo da soli a partire da una saponetta solida (io ho usato quello comprato in Turchia all’olio di oliva) e’ così semplice che mi sono messa subito al lavoro!

50g di Sapone grattugiato(ecco che fine far fare alla fine delle saponette quando iniziano a sfaldarsi!!d’ora in poi le metto al pizzo!)

                                                 20130421-161633.jpg     20130421-161728.jpg

250ml di acqua ( in proporzione 1 a 5)

mettere sul fuoco e portare a bollore mescolando ( cucchiaio di legno ottimo)
quando si sono sciolte tutte le scagliette spegnere la fiamma e far freddare mescolando ogni tanto: viene una crema così:

20130421-162631.jpg

controllare la densità : se è troppo lento grattugiate altre scaglie e rimettete sul fuoco se troppo denso aggiungete un po’ d’acqua anche a freddo più tardi: io ho aggiunto

20130421-162200.jpg

quando è tiepido potete aggiungere qualche goccia di essenza a piacere ( io avevo la classica lavanda) ed è’ fatto!! potete riempire il vostro dispenser e servirvi ( o servire i vostri ospiti schizzinosi!)

sono soddisfattissima del mio la consistenza e perfetta! Per perfezionarlo ci aggiungo 20 gr (1 cucchiaio) circa di olio di mandorle puro x diminuire la sensazione di secchezza che lascia sulle mani e renderlo più idratante !!

20130421-162324.jpg
PERFETTO… mi viene voglia di usarlo anche io 😉


Lascia un commento

Acido Citrico e primi esperimenti

Ho finalmente comprato 1kg di Acido Citrico Anidro Puro: e’ in una busta trasparente e ha l’aspetto di una polverina simile al sale e l’ho comprato da un sito come questo di Officina Naturae e oggi l’ho usato per il bucato per la prima volta!
Ho messo al posto dell’ammorbidente una soluzione di Acido Citrico e Acqua al 15% per un totale di 100g: 15g di acido citrico + 75g di acqua (100g = 100ml) e l’ho versata nella vaschetta dell’ammorbidente dove di solito verso l’aceto (che pure funziona benissimo come ammorbidente) : il bucato ora e’ bagnato ma mi sembra gia’ che il risultato sia ottimo: sembra tutto morbido e in piu’ non ha nemmeno quel temporaneo sentore di aceto (che pure sparisce vi garantisco durante l’asciugatura e non ne rimane traccia) : la soluzione di acido citrico non lascia proprio nessuna traccia! In piu’ questa volta ho aggiunto anche (altro acquisto premeditato per mesi!!) 5 goccie di olio essenziale di Lavanda! Io l’ho comprato da Muji, ma si vende anche da Natura Si e in un sacco di altri posti. Gia’ cosi’ tutto profuma di lavanda bello 🙂 Forse la prossima volta aumento un po’ la dose… a 8 goccie! (eh si lo so quando si comincia con le droghe…)IMG_5494


Lascia un commento

torta pere e cioccolata

Eh si questa e’ una delle mie torte preferite: ultimamente l’ho fatta due volte, e l’ultima volta ho sostituito a mandorle + zucchero un panetto di Marzapane (pasta di mandorle) comprato nell’entusiasmo da Ikea e per il quale non riuscivo a trovare nessuna ricetta decente (di solito le ricette con la pasta di mandorle sono piu o meno del tipo: “fate delle palline di pasta di mandorla e rotolatele nel cacao” grazie ci potevo pensare anche da sola..!!)

E’ ottima per consumare un po’ di frutta, ma anche un po’ di uova /cacao e altre cose, e ha il pregio di consumarsi piu’ giorni fresca e morbida , grazie alle pere :)))

Le mie dosi:

130 g burro (oppure 80g burro + 50g olio)
500 gr pere (ma anche meno, diciamo 2 o 3 pere, io ho usato kaiser)
cacao 30g
cioccolata fondente 15gr
noci (o mandorle) 60gr
zucchero canna 140gr (o 200g pasta di mandorle)
uova 3
farina 150gr
1 bustina lievito (o 2 cucchiaini di bicarbonato: funziona alla grande!**)

Cosa fare:

1) mettere le pere a fettine nel rhum(o altro liquore dolce) a macerare
2) impastare gli ingredienti insieme anche col frullino

3) e inserire le fettine di pera a metà impasto

4) cuocere in forno a 180gradi 40 min

** la scoperta del bicarbonato l’ho fatta l’altro giorno visto che avevo finito il lievito: ho provato e ha lievitato alla grande:  ho scoperto che il bicarbonato veniva usato in passato per far lievitare i dolci e mio padre (eheh un biologo in famiglia serve sempre 😉 ) mi ha spiegato che in realtà per funzionare ha bisogno di qualcosa di acido che lo attivi: il succo di limone funziona di sicuro, ma anche le carote, o forse in questo caso le pere?  il siero di latte (forse il burro fuso?) in passato si usavano infatti insieme appunto il bicarbonato e come acido il cremor tartaro: dato il costo del lievito bartolini in bustine vi consiglio di provare :))

Ariecco la torta:

torta